Vi va di andare a fare un giretto?

In questo e nel prossimo post, vorrei portarvi insieme a me nel mini giro che abbiamo fatto insieme al Sig. Moroso qualche giorno prima di Natale in Toscana e più precisamente a Firenze il primo giorno e a San Gimignano e Siena il secondo giorno. 

La giornata, da quello che si può evincere dalla foto, era MERAVIGLIOSA, un cielo così terso e splendente era da tempo che non lo vedevo e la foto di rito a Ponte Vecchio è venuta, a mio parere, uno spettacolo!

Voi sapete quanto io adori con tutto il mio cuore in profondità il cucito, giusto? E quindi potevo io andare a Firenze e non trovare qualcosa che me lo ricordasse?!

Si comincia con gli Uffizi. Sì, gli Uffizi, avete capito bene! Io non volevo crederci: NON C’ERA FILA. Inizialmente avevo pensato che fossero chiusi e invece no, solo due persone davanti a noi e via, biglietto di entrata fatto!

NB: tutte le immagini che vedete non sono nè perfette, nè vogliono esserlo. Quello che volevo ottenere era sottolineare il particolare, non l’insieme!

Primo quadro visto: Gentile Da Fabriano, Adorazione dei Magi

Siamo nel 1420 circa e, come si può facilmente dedurre, non siamo in presenza nè di luce elettrica, tantomeno di telefoni o di addirittura macchine fotografiche, queste sconosciute! Nonostante questo, date un’occhiata ai particolari:

Sarò rimasta davanti a quel dipinto per almeno 10 minuti buoni, osservando la maestria e la precisione racchiusa in un solo spazio. Questo quadro mi ricorda molto l’arte dell’alta moda sartoriale: pura poesia per gli occhi!

Altro quadro visto: Il Perugino, Madonna col Bambino in trono tra i santi Giovanni Battista e Sebastiano.

Questo quadro, oltre che per la morbidezza del drappeggio che si può notare sulle vesti dei Santi e della Madonna, mi ha incurisito e mi è piaciuto per un piccolo particolare: lo sfondo.
Colline che dolcemente sfumano nella nebbia. Nella prossima parte dell’articolo capirete perchè.

Ultimo quadro che aggiungo per poi passare ad altro: un fiammingo. Chiedo venia perchè non ricordo il nome e, please, se qualcuno lo sa, ditemelo! Ero un pò stanca a quel punto e mi sono dimenticata di segnarne il nome!

La luce!!! Ma che luce perfettamente calibrata ha, che scivola sui vestiti, illumina i particolari e da risalto alle vesti e ai volti?! Attonita da cotanta bellezza, non c’è altro da dire!

Usciamo dagli Uffizi, girati almeno tre volte in lungo e in largo, perchè chissà quando mi ricapita di andarci, camminata verso Santa Maria del Fiore, un duomo di una bellezza allucinante, passeggiamo e tacchete spunta lui:

Sembrava fatto apposta! Stava lì e diceva: “Vieni, entra, ho dei tessuti bellissimi!”

Mamma mia che tentazione!!!! Eppure…no, non ci sono entrata.
Ho deciso che il mio portafoglio e soprattutto il Sig. Moroso non potevano sobbarcarsi dei tessuti da portarsi in giro per Firenze per almeno altre 5 ore. Ma non vi nego che ho avuto un pochino l’angoscia a lasciare lì quel ben di Dio!

Qualcuna fra di voi è della zona di Firenze e mi sa dire come si chiama quel negozio?

Per ora fine prima parte, vi aspetto per la seconda nei prossimi giorni!

Se hai voglia di vedere quello che mi sono cucita per me le scorse volte, lo trovi qui!

Fancy to see what I sewed for myself? You can find it here!

Nuovo cartamodello DNDC: Atena, la blusa raglan

Ciao, alla prossima! See ya!

Se ti va di seguirmi su Instagram o Facebook, mi trovi con il nome DiNuvoleDiCuori! 
You can find me on Facebook or Instagram looking for DiNuvoleDiCuori! 

Autore - Author

Sarta per passione. Pompelmo rosa e cedrata lover. Benvenut*!
Seamstress for passion. Pink grapefruit and cedrata lover. Welcome!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *