Vestito a Kimono – di Pattern Runway, Stati Uniti d’America

Dovete sapere che quando ho cominciato la mia avventura con questo blog, mi sono iscritta ai vari social, tra i quali Twitter.
Fra le ragazze che seguo, tutte carinissime e bravissime, un giorno ho fatto amicizia con Nova, frizzante ragazza inglese del blog Little Miss Prim con la passione per New York City, il cucito e l’organizzazione di eventi, che in un impeto di simpatia mi ha proposto: “Ci scambiamo della stoffa?”

Ho trovato l’idea estramente carina e ho accettatto con gioia!

Nel pacco che mi ha inviato, c’era molto più di quello che mi sarei aspettata (un pezzo di stoffa con la Tour Eiffel un pò shabby chic, un pezzo di stoffa con le tazze da te sopra, qualche bottone, due lampo), fra cui anche il cartamodello PDF di questo vestito e la stoffa che vedete dell’abito!

Mi sono detta che non potevano rimanere in ballo per molto, sia l’abito che la stoffa e, voilà, vi presento l’abito a kimono di Pattern Runway, gentilmente offerto da Nova!

Cosa dire di questo abito oltre che le spiegazioni sono molto precise e cucirlo è stato molto veloce? Parliamo dell’unica pecca che gli ho trovato, dovuta a causa mia: quando devo scegliere la taglia di un abito da fare, sono sempre molto indecisa su quale taglia scegliere. Se la faccio troppo piccola, non mi entrerà, se la faccio troppo grande, mi entrerà ma avrà di sicuro dei difetti.

Come forse ricordate, io e gli abiti di prova non siamo molto amici: diciamo che se non è un abito o un capo per un’occasione speciale, tendo a non farlo. Buona la prima e via andare!

Di questo abito è andato bene quasi tutto, tranne le maniche e la lunghezza: mi sono resa conto che, una volta finito, la paramontatura delle maniche sebbene fermate con il metodo consigliato dalle istruzioni sul PDF, sbuffano in fuori. Si vede molto bene nella foto qui in basso.

Ho deciso, per ovviare il problema, che darò qualche punto o meglio sottopunto alla manica per evitare che venga fuori e per il prossimo vestito, ridurrò almeno la parte del seno ad una M e lascerò la parte della vita e dei fianchi ad una L.

Ho anche accorciato di ben 20 cm l’orlo in fondo perchè la misura che aveva, non mi piaceva proprio!

Il dietro è chiuso con un bottone proveniente dalla scorta della nonna, quella della caverna dei tesori, e, sebbene si veda poco in questa foto, è tondo, bianco con il bordo dorato. Ho pensato si addicesse molto al mood anni ’60 dell’abito!

Vi aggiungo qualche foto in più perchè mi piacciono veramente tantissimo e spero piacciano anche a voi: me le ha scattate una carissima amica in un pomeriggio settembrino, insieme ai prossimi vestiti che pubblicherò e ne vado particolarmente fiera!

Ciao, alla prossima

Autore - Author

Sarta per passione. Pompelmo rosa e cedrata lover. Benvenut*!
Seamstress for passion. Pink grapefruit and cedrata lover. Welcome!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *