Con Silvia di SoStyle alla scoperta del cardigan!

Hai detto cardigan?!?! Io detesto il cardigan! 

Detto questo, la domanda che sorge spontanea è: ” perchè proprio io scrivo un post sul cardigan?”

Perchè sono una consulente d’immagine, e una delle parti più divertenti del mio lavoro è proprio individuare pregi e difetti di qualsiasi indumento… perchè al di là di una mera opinione personale, ogni capo ha i suoi pro e contro, soprattutto in relazione a quello che davvero conta: il nostro corpo.

C’E’ SEMPRE UNA BUONA RAGIONE PER RICORRERE AL CARDIGAN

La mia antipatia verso questo indumento deriva più che altro dal fatto che ricorriamo a lui come ad una sorta di copertina calda, morbida e rassicurante, che ci viene in aiuto quando non sappiamo cosa indossare: vuoi che ci vediamo grosse, vuoi che non abbiamo niente da metterci, vuoi che non ci piacciamo, vuoi che su quella maglietta il blazer è troppo “fighetto” per dove dobbiamo andare noi, alla fine c’è sempre una buona ragione per ricorrere al nostro amico!

UNA COPERTINA CALDA CHE PERO’ CI TARPA LE ALI

In realtà però questa “copertina calda”, con la scusa di coprire per vestire, finisce che ci impedisce di vedere il nostro potenziale, perchè anche se abbiamo pancetta, rotolini, fianchi e seno importante, non è mai tutto da coprire! 
Esistono anche dei punti di forza da valorizzare, e fidati: se fai fatica a vederli non significa che non ci siano.

E, detto tra noi, continuare a coprire indiscriminatamente, non ti aiuterà certo ad individuarli meglio!

C’e’ CARDIGAN E CARDIGAN!

Io amo distinguere tra i cardigan che “vestono”, e quelli che coprono….e basta.

Nei primi rientrano quei modelli con tessuti particolari, che hanno anche dei dettagli che li rendono “diversi dal solito” e quindi in grado di valorizzare noi e il nostro outfit; Nella seconda categoria invece rientrano tutti gli altri, modelli oversize in primis…

IL CARDIGAN VA ALLACCIATO?

No, o meglio, quasi mai. Il cardigan andrebbe visto come una sorta di involucro che incornicia il nostro corpo e ci aiuta a creare una verticale, se vuoi anche più longilinea,  che ci valorizza in altezza. In questo senso, soprattutto se abbiamo un fisico curvy, chiuderlo, magari con una cintura non aiuta un granchè, meglio in questo caso optare per un’allacciatura sul retro, così da non aggiungere ulteriore volume davanti.

L’unica eccezione sono le tipologie di cardigan come quella proposta da Nicoletta:  a me piacciono molto portati chiusi ad “incrocio” con una cintura intrecciata davanti. Ma perché è il modello in sé che lo richiede. Diversamente rischierebbe di essere un po’ oversize,  e di aggiungere volume in maniera indiscriminata 😉 Sul come portarlo, ti do appuntamento più sotto…

IL CARDIGAN CON LE TASCHE

Questa invenzione delle tasche sul cardigan, qualcuno me la deve spiegare. Ci dobbiamo mettere dentro qualcosa? Non hanno inventato le borse per questo?
Bene, allora evitiamo, che ne dici? Più che altro perché la tasca di per sé, piccola o grande che sia, aggiunge volume, e quasi sempre nei posti sbagliati. Pensa al cardigan che cade sul fianco di una pera o di una clessidra, finirà con l’accentuarlo ancora di più.

A PROPOSITO DI LUNGHEZZA: MEGLIO CORTO OPPURE LUNGO?

Tendenzialmente meglio corto e ti spiego perché: solitamente i punti critici sono localizzati tra addome, fianco e gambe.
Posto che non ha molto senso portare cardigan e top dello stesso colore (tipo i “gemelli” per intenderci”), lo stacco cromatico andrà a segnare come un semaforo il nostro punto critico. Quindi, vale la pena considerare un cardigan corto, appena sopra il bacino. Ricorda che non lo allacciamo, se non il primo bottone in alto!

QUANDO INVECE POSSIAMO CONSIDERARE DI PORTARLO LUNGO

Quando abbiamo un fisico a rettangolo, oppure a “mela” così che la lunghezza non segnerà da nessuna parte.

oppure quando siamo delle pere con una leggera sproporzione tra busto e fianchi. Se infatti questa fosse  più accentuata, (pensa ad esempio ad un cardigan che cade a metà coscia), davanti sarà tutto perfetto, ma sul retro si vedrà il cardigan accentuare la curva del fianco.

LE SPALLE

Vero che il cardigan di per sé è un indumento casual (si vede mai in giro Kate Middleton col cardigan agli impegni ufficiali?!?) però attenzione alla cucitura delle spalle. Se questa cade proprio sulla spalla, il nostro cardigan è perfetto. Se invece  questo ha la manica scesa, e noi non abbiamo le spalle ben definite, finirà col penalizzarci.

PARLIAMO DEL  MATERIALE

Personalmente lo preferisco di cotone e di tessuti fluidi, che ben si adattano a qualsiasi tipo di outfit…e di bodyshape.

I tessuti più “corposi” invece, li riserverei a chi deve dare struttura ad un corpo minuto. E’ il caso ad esempio del cardigan proposto da Nicoletta, che di per sé è perfetto per essere portato nella mezza stagione a contrasto con un abitino leggero.

A PROPOSITO DEL CARDIGAN DI NICOLETTA….ECCO ALCUNE IDEE PER PORTARLO CON STILE!

Ti va di leggere gli altri articoli scritti da Silvia? Li trovi cliccando qui!

Nuovo cartamodello DNDC: Atena, la blusa raglan

Se ti va di seguirmi su Instagram o Facebook, mi trovi con il nome DiNuvoleDiCuori! 
You can find me on Facebook or Instagram looking for DiNuvoleDiCuori!

Ciao, alla prossima! See ya!

Autore - Author

Silvia Caputo

Ciao sono Silvia e sono una consulente d'immagine: mi occupo cioè di aiutarti a piacerti e a valorizzarti fisicamente con i colori, gli abiti e gli accessori più adatti a te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *