Arrowsmith la sportiva

 

Ciao a tutte/tutti!

E’ con mio grandissimo piacere che oggi vorrei presentarvi il tutorial della carinissima canottiera Arrowsmith, nonchè mio primo tutorial in assoluto.

Thread Theory ha indetto un concorso ad inizio Luglio sul loro sito per creare un tutorial su di uno dei loro cartamodelli e ho pensato che poteva essere un’idea carina parteciparvi e dare il mio supporto alla causa del cucito!
Piccolo aggornamento: ho vinto! SIII!!!Solo per la cronaca: qui troverete l’articolo che annuncia i vincitori!!!

Torniamo al tutorial. Ho cominciato a pensare a questo tutorial con un’idea ben precisa in testa: quante sarte/quanti sarti principianti o anche quelli più esperti cuciono regolarmente i tessuti tecnici sportivi come il jersey? Credo non molti, davvero!

Per questa ragione, ho deciso di costruire questo tutorial per aiutarvi nell’intero processo e anche mostravi alcuni errori che possono capitare quando si cuce questo tipo di tessuto.

Il tessuto che ho scelto per questo tutorial è un jersey rosso, composto da cotone per il 94 % e da elastan per il 6 % e normalmente è utilizzato dalle aziende che producono capi per lo sport per creare pantaloncini da pallavolo e top per il beach volley, grazie alla sua struttura molto leggera e sottile.

Ho cucito la mia canottiera Arrowsmith solo con una macchina da cucire lineare, evitando di usare taglia cuci o altre tecniche, affinchè il processo sia facilmente riproducibile sulla vostra macchina da cucire e senza dover comprare o affittare altri macchinari belli ma comunque costosi!

Leggete fino alla fine prima di cominciare a cucire la vostra canottiera: alla fine ho inserito una foto che aiuta a non ripetere gli errori che ho fatto io, si chiama “Errori da cui imparare”, così potete riconoscere gli errori che possono sopraggiungere con questo tipo di tessuto e metterli in ordine senza dovervi appellare a qualche santo sconosciuto!

Non dimenticate, mi raccomando di scaricare le istruzioni che ho tradotto da qui e il cartamodello da qui: questo tutorial è un aiuto visivo alle già ottime istruzioni che Thread Theory ha creato in precendenza e non intende sostituirsi ad esse!

Ma basta parlare!
Che ne dite, cominciamo?

 

 

Prepara il tessuto di tua scelta e stendi sopra il cartamodello che hai in precedenza già ricalcato e tagliato.
Non dimenticarti di avere a portata di mano alcuni spilli e, ovviamente, le istruzioni della canottiera Arrowsmith!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Spilla i pezzi del cartamodello sul tessuto, sapendo che essendo il tessuto così leggero e particolare, può essere un pò capriccioso: a volte si allunga molto, altre no, quindi fai molta attenzione quando ci stendi sopra il cartamodello e fai inoltre attenzione agli spilli.
Nel caso in cui non fermi il cartamodello con degli spilli ma con dei pesetti, posizionali sui bordi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Taglia tutti i pezzi del cartamodello a filo e ricordati che non c’è bisogno di aggiungere nessun margine di cucitura: sono già compresi nel cartamodello!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ecco come dovrebbe presentarsi una volta finito di tagliare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il prossimo passo è di ricordarsi di tagliare sul tessuto tutti i riferimenti che hai segnato sul cartamodello (non ti sei dimenticata/dimenticato di segnarli sul cartamodello, vero? Devo ammetterlo, io a volte me ne dimentico!).
Questi riferimenti ti aiutano a posizionare i pezzi tagliati nella maniera corretta uno sull’altro e aiutano nella costruzione della canottiera Arrowsmith.

 

 

 

 

 

 

 

E hai finito! I primi passi sono finiti e sei pronta/pronto per cucire insieme tutti i pezzi del cartamodello che hai davanti a te.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tempo di cucire!
Spilla dritto contro dritto Davanti e Dietro.
Alcune/alcuni di voi potrebbero pensare: perchè non imbastirlo? Io fossi in voi non lo farei: la mia esperienza mi porta a dirvi che è abbastanza difficile imbastire un tessuto così tanto elastico, dovuto ovviamente all’enorme quantità di elastan presente all’interno, quindi secondo me, è meglio puntare con gli spilli e continuare a leggere!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il prossimo passo è di cucire sia le spalle che i fianchi dritto contro dritto insieme: il solo consiglio che posso darti è di usare il punto più elastico che hai a disposizione. Se hai a disposizione solo un punto per cucitura dritta, cuci così e non ti preoccupare!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Adesso, metti da parte la canottiera e prendi i due sbiechi delle maniche che hai tagliato in precedenza e
a) posizionandoli piegati a metà dritto contro dritto ciascuno,
b) cucili.
Avrai due lunghe strisce cucite nella parte corta di ognuna.

 

 

 

 

 

 

Eccoci al passo più importante: posizionare lo sbieco del giro manica sul giromanica.
Lo sbieco che hai cucito, piegalo a metà nel mezzo, rovescio contro rovescio e posizionalo dritto piegato a metà sul dritto di un giromanica.
Fai combaciare la cucitura che hai dello sbieco del giromanica a) sulla cucitura del fianco e spillalo; fai combaciare i riferimenti b) che hai con la cucitura della spalla e spillali.
Quando hai spillato i punti a) e b), spilla il resto dello sbieco del giromanica, allungando con attenzione il tessuto per farlo combaciare al giromanica: lo sbieco del giromanica è un pochino più piccolo del giromanica stesso, quindi dovrai aggiustarlo mentre lo monti.
Non appena tutto è spillato, cuci e il risultato, se hai fatto attenzione a far combaciare le cuciture dovrebbe essere d).
Ripeti lo stesso processo per l’altro giromanica.

 

 

 

Ora puoi posizionare lo sbieco del collo all’interno del girocollo.
Lo sbieco per collo che hai cucito come lo sbieco delle maniche a), piegalo a metà, rovescio contro rovescio e posizionalo sul girocollo.
Fai combaciare la cucitura che hai sullo sbieco al centro dietro del girocollo e spillalo tutto intorno b).
Quando hai spillato tutto intorno lo sbieco del collo come b), cucilo sul girocollo allungandolo con attenzione mentre lavori per adattarlo al girocollo: lo sbieco del collo è un pochino più piccolo del girocollo stesso, quindi dovrai aggiustarlo mentre lo monti.

 

 

 

 

Quando i giromanica e il girocollo saranno cuciti, puoi impunturarli con attenzione.
Puoi vedere il risultato dellì’impuntura nella seconda immagine sulla destra.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo ma non per importanza: l’orlo.
Piega l’orlo per 1cm a), spillalo e cucilo b). Il risultato sarà c).
Piegalo di nuovo di un altro 1cm like d), spillalo di nuovo e) e cucilo f).

 

 

 

 

 

 

 

 

Errori dai quali imparare

Ed ora la parte che considero più importante: gli errori!
Mentre si cuce, a volte, non si notato particolari errori o grinze nel tessuto che si sta lavorando: è solamente quando si prova il capo, che si notano.

Nella prima immagine che puoi vedere sulla sinistra, si possono apprezzare due diversi tipi di risultati:
– sulla manica sinistra, si può vedere come lo sbieco della manica sia perfettamente posizionato e bilanciato sul giromanica;
– sulla manica destra, si possono notare delle grandi pieghe che il tessuto ha formato poichè lo sbieco del giromanica non è perfettamente posizionato e bilanciato sul giromanica.
Il mio consiglio per evitare questo tipo di errori è di provare la canottiera non appena finito di cucire lo sbieco sul giromanica: nel caso in cui qualcosa sia andato storto, puoi scucirlo e ricucirlo immediatamente!

Nella seconda immagine sulla destra, si può notare un altro errore: l’orlo si rivolta verso l’alto.
Tieni a mente che i tessuti così elastici hanno bisogno di un orlo più profondo per rimanere piatti, poichè il ferro può poco nei loro confronti, sempre a causa dell’enorme presenza di elastan.
Se scegli di creare un orlo doppiato due volte come ho fatto io, piega il primo orlo per 1 cm e il secondo bisognerà ripiegarlo di 2 cm.

 

 

 

 

 

Congratulazioni, hai finito!
Hai appena creato la tua canottiera sportiva Arrowsmith!

Autore - Author

Sarta per passione. Pompelmo rosa e cedrata lover. Benvenut*!
Seamstress for passion. Pink grapefruit and cedrata lover. Welcome!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *