Maglia creata dalla nonna e finita da me

Quello che apprezzo di più del mondo del cucito è che non c’è limite alle possibilità e alle variazioni che puoi apportare ad un capo che ti piace: prendiamo ad esempio questa maglietta .

Questa maglietta è stata creata dalla mia nonna materna e caduta purtroppo nel dimenticatoio a causa della vecchiaia.
La maglietta, nonna l’aveva lasciata imbastita: le modifiche e le cuciture per poterla indossare erano poche e fattibili in un pomeriggio.

Quali sono le migliorie che gli ho apportato? Ho prima di tutto cucito tutte le cuciture ancora imbastite, tolto tutti i fili che non servivano, accorciato l’orlo in fondo e, cosa più importante, sagomato i fianchi per renderla un po’ fasciante, ma non troppo!

 

Il tessuto e la mia macchina da cucire sfortunatamente non sono stati due buoni alleati: sfuggevole poiché molto sottile il primo, capricciosa poiché un filino d’antan la seconda, ho cercato di fare il possibile affinchè il risultato finale fosse almeno accettabile, anche se alcune cuciture sono veramente storte e/o brutte da vedere … non pubblicherò (per ora) le foto che sottolineano quel particolare !

Le foto prima e dopo vi fanno capire come si può, con un po’ di pazienza, rendere attuale un capo che poteva direttamente essere buttato via.

Perché è anche questo che facciamo quando cuciamo, giusto? Avere una marcia in più, una possibilità in più di adattare o creare ciò che veramente ci piace con il solo aiuto del le nostre mani, ago e filo.

Leggendo nei vari blog in giro per la rete (ne trovate una lista che aggiorno di volta in volta su quelli che seguo) ognuno comincia per i più disparati motivi: la mamma e/o la nonna tramandano la passione fin da piccoli, un’illuminazione sulla via di Damasco all’alba dei 30/40/50 anni, un istinto da soddisfare per essere diversi dagli altri. Ognuno lega a questa passione un sentimento particolare, un odore, un ricordo o semplicemente una necessità.
Io devo l’inizio di questa passione a mia nonna, la stessa della maglietta che, da sarta quale era, mi ha trasmesso la gioia per cucito all’alba dei 18 anni: non la ringrazierò mai abbastanza.

Perché è anche questo che mi ha insegnato mia nonna; il cucito è democratico, e permette a chiunque lo pratichi a qualsiasi livello in qualsiasi momento di poter dire con soddisfazione: “Sì, l’ho fatto io!”.

Ciao !!!

L\'autore - The author

Sarta per passione. Pompelmo rosa e cedrata lover. Benvenut*!
Seamstress for passion. Pink grapefruit and cedrata lover. Welcome!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *